Tuesday, 16 September 2014

Il primo tè della stagione

Only in italian, sorry!

Durante tutta l'estate solitamente non bevo molto tè. Quest'estate è stata un po' un'eccezione per il clima più mite che l'ha caratterizzata, ma soprattutto per via della mia vacanza londinese in cui ne ho abbondato! :) Nonostante questo però anche quest'estate, come tutte le estati, mi sono sentita orfana di tè, perché quando fa veramente caldo ci provo a farmi un tè freddo, ma non sempre i risultati sono soddisfacenti, e poi non è la stessa cosa, io il tè lo amo caldo! Così mi sono ritrovata ad attendere con ansia il ritorno della bella stagione (che per me, ovviamente, non è l'estate!).

Una tisana al peperoncino presa al bar credendo di aver ordinato un al peperoncino. Comunque era buona, e servita in questa bella teiera!

Devo dire che ormai ci siamo, incredibilmente settembre ha portato davvero l'autunno quest'anno, e già da diversi giorni ho ricominciato a bere tè caldo (come testimonia il mio progettino My Daily Cup Of Tea). E non c'è niente da fare, il primo tè della stagione, il primo tè caldo che finalmente non mi fa sudare, è sempre un grandissimo piacere! E non importa quale, non importa dove, non importa quanti, sono i primi, i primi giorni di fresco, i primi tè caldi veramente goduti... Perfino una tisana, o addirittura un tè al limone preso da una macchinetta automatica (che, come dice chiaramente il nome sul pannello, è una "bevanda al gusto di tè" e non un vero tè) risulta gradevole quando hai aspettato tanto per bertene uno!

Ma se per "tè" vogliamo intendere qualcosa di serio, allora come primo tè della stagione io opto sempre per un "classico", come il tè nero miele e limone. Non appena l'acqua bollente entra in contatto con la bustina il profumo tanto piacevole e familiare si fa subito sentire!!! Che meraviglia!!!! Quanto me lo sono gustato questo tè, con la nostalgia dei mesi di lontananza, e la voglia di rimettermi in pari al più presto!!!

No comments:

Post a Comment

Thanks for commenting!

Family Album [#books #review]

by Penelope Lively They contemplate an August that is dead and gone, but not so at all, shimmering in their heads, and presumably in oth...