Thursday, 7 August 2014

Il tè anche d'Estate.
Tentativo 5, non solo tè: Carcadè

Only in italian, sorry!
Questa estate, lo devo ammettere, si sta rivelando molto più fresca di quanto mi aspettassi. Ho paura che sconteremo tutto avendo afa fino a novembre, ma per ora mi godo qualche tè caldo pomeridiano, cosa impensabile con le temperature degli anni passati. Qualche volta però il caldo si fa sentire, e allora le bevande fresche fanno sempre piacere. L'infusione a freddo mi ha proprio conquistata, è comoda e funziona bene! Oltre al tè l'ho provata con altre bevande, ed è davvero la svolta per l'estate!!!
Finora non ho fatto foto, ma questa prova con il carcadè era troppo bella per non immortalarla! Qui sopra c'è la confezione e il barattolo che ho usato per queste infusioni, col carcadè appena messo in infusione, quindi l'acqua è ancora trasparente. Il bello del carcadè è che si mettono in infusione i fiori, e non le foglie, e ho comprato apposta per questo esperimento questo carcadè sfuso invece che quello solito in bustine! :)

Bello, no? Il carcadè (che qualche volta ho anche trovato scritto karkadè) è un infuso di fiori di ibisco, una pianta tropicale che cresce spontaneamente in molte zone dell'Africa. Messo in infusione, produce una bevanda profumatissima di colore rubino e di gusto leggermente acidulo.
L'infuso, zuccherato a piacere, può essere consumato caldo oppure - opportunamente refrigerato - come efficace bevanda dissetante.
Lasciati i fiori in infusione in frigo tutta la notte, la mattina dopo ho trovato ad apettarmi una bevanda fresca e gustosa, molto dissentante e anche piuttosto bella, con questo rosso molto acceso tipico del carcadè, non trovate? Ho colato, imbottigliato e aggiunto un po' di limone.


Il carcadè mi piace molto, anche caldo lo bevo volentieri quando magari voglio qualcosa di diverso dal tè. Ha un sapore piuttosto agre, per stemperarlo un po' andrebbe aggiunto lo zucchero oppure, come consigliato proprio sulla confezione, succhi di frutta o vino bianco, però io volevo proprio evitare altre bevande e privilegiarne una leggera e senza aggiunte (anche perché con lo zucchero si perde il potere dissetante!!), quindi ho messo solo il limone che comunque ci sta bene anche se la bevanda è rimasta piuttosto amara, ma personalmente la trovo proprio piacevole!
Sicuramente da rifare!!


Qualche informazione in più, se vi interessa! Il carcadè si ricava dai fiori di ibisco che, una volta essiccati al sole su reti metalliche per alcuni giorni, vengono staccati manualmente e confezionati in sacchetti. L'ibisco (nome scientifico Hibiscus sabdariffa), o tè Rosa dell’Abissinia, è una pianta erbacea della famiglia delle Malvacee, che esprime la sua bellezza con dei fiori gialli dal calice rosso carnoso (in realtà il carcadè è proprio questo calice rosso che sostiene il fiore) e frutti a capsula dai quali si ricavano bevande e marmellate (pure queste ultime belle agrette, cosa che personalmente preferisco nelle conserve perché non amo quelle troppo dolci). L'ibisco ha bisogno di poca acqua e poche cure. Non essendo soggetta a malattie e parassiti, può essere coltivata senza l’impiego di fitofarmaci o fertilizzanti chimici, che danneggiano i contadini e il suolo.


Informazioni sull'infuso

Formato: sfuso (fiori)
Proprietà: dissetante
Provenienza: Kenya
Marca: CTM altromercato
Dove si può comprare? In una qualsiasi Bottega del Mondo

No comments:

Post a Comment

Thanks for commenting!

The Lady Astronaut of Mars [#books #review]

by Mary Robinette Kowal We didn't get enough light here for most humans. But the stars... When you could see them, the stars were g...